Sta caricando

Digita per cercare

Attualità

Giornata della terra; La madre-terra e la sua Vita stanno morendo di economia

amadeusQdV 22 aprile 2018
Condividi
Il modello economico è una produzione umana; Gli uomini possono radicalmente cambiarlo per non morire insieme agli altri esseri viventi della meravigliosa madre terra!

Tutti gli studi, le ricerche sull’atmosfera e la biosfera ed i segnali dati dalla madre-terra (riscaldamento globale, scioglimento dei ghiacciai, drastica riduzione della bio-diversità etc..)  dimostrano la gravità della situazione per la sostenibilità della vita sul pianeta.
Gli impegni presi dagli stati nelle numerose conferenze internazionali non sono mai stati mantenuti ed anche l’ultima di Parigi sul clima del 2015 avrà, quasi certamente, lo stesso epilogo.

Il pensiero unico economico trionfante dell’occidente, finalizzato all’immediato e continuo arricchimento di una piccolissima cerchia di super ricchi, non ha alcun interesse rispetto alle prospettive della vita sul pianeta ne tanto meno a quelle delle future generazioni.
Purtroppo l’oligarchia economico-finanziaria globalizzata  interprete di questa criminale e oncologica impostazione, sulla quale gli stessi stati nazionali hanno pochi strumenti di condizionamento, s’impone a suon di guerre per la predazione delle risorse rimaste, con il controllo dei mezzi di persuasione e se necessario con l’uso della criminalità.
Di fatto ci troviamo di fronte, in occidente, ad una massa di alienati tossico-dipendenti consumisti e nel resto del mondo ad aspiranti consumatori (spesso più realisti del re) mentre la madre-terra sta morendo.

Utilizziamo questa giornata per pubblicizzare l’urgente necessità di una Rivoluzione Culturale e politica globale per salvare la Vita e la sua Gioia.
La maggioranza degli uomini, vittime di questo sistema di morte, devono organizzarsi, partendo dai propri stati, imponendo ai governanti di poter decidere direttamente sulle questioni fondamentali.
Pretendendo l’applicazione puntuale della Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo del 1948 ed il cambio dell’incompatibile (per la madre-terra) ed infelice stile di vita consumistico occidentale;
Il riciclo dei materiali, il miglioramento del rendimento energetico dei sistemi e l’uso di energie rinnovabili, al momento, non ci possono permettere di mantenere un costosissimo trasporto privato di massa in cui serve un’auto di 2-3 tonnellate, con motore a scoppio super-inquinante di ridicolo rendimento, per trasportare un’uomo di 70 kg !?

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *