Sta caricando

Digita per cercare

C'è chi dice NO

NO all’aggressione pubblicitaria sui bambini ! NO all’uso dei bambini nella pubblicità !

amadeusQdV 24 febbraio 2018
Condividi

La pubblicità, attività parassitaria e 2^ spesa al mondo dopo gli armamenti, non è certo uno strumento per informare sui prodotti ma piuttosto di persuasione occulta per indurre fittizi bisogni e, nel caso dei bambini, un vigliacco induttore, su cervelli indifesi, di tossico-dipendenza da individualismo e consumismo, elemento fondante dell’attuale sistema economico.

Photo Credit: Designlazy.com

Tale sistema mondializzato in cui l’economia e la finanza hanno fagocitato ogni aspetto della vita, imponendo la guerra di tutti contro tutti, sta massacrando uomini e madre terra e prospetta uno spaventoso futuro ai nostri figli e nipoti e, se mai ci saranno, alle future generazioni.

Un bimbo che gioca a nascondino per una finanziaria; Che tenerezza!

La priorità attuale è l’abnorme e patologico profitto immediato di una sparuta minoranza di uomini-organizzazioni-predatori reso possibile dalla tossico-dipendenza individualista-consumista diffusa soprattutto in occidente dove lo scopo della vita sembra essere quello di produrre e consumare senza limiti (è lo stesso meccanismo dei tumori maligni ed ha la stessa prognosi !), in buona parte cose inutili e dannose.
Asocialità, guerre, fame, povertà, ingiustizie sociali, diffuse malattie fisiche e mentali, distruzione di vitali risorse terrestri, incredibili squilibri ecologici etc., con il relativo carico di disperazione ed infelicità, sono semplicemente gli effetti collaterali del citato sistema economico.

Fortuna che c’è chi dice no!

In Italia è urgente la nascita di un movimento per la Qualità della Vita che porti ad un necessario cambiamento radicale mediante:
L’applicazione della Costituzione con l’integrazione dell’abolizione della guerra e del parametro Qualità della Vita (dove la tassazione su merci e servizi sia ad essa parametrata).

  • La Democrazia Diretta, almeno per le problematiche principali (attuata con le necessarie precauzioni), l’unica che ci permette di essere protagonisti della nostra vita e del futuro, con l’assunzione del potere legislativo e la nomina di un adeguato esecutivo.
  • L’attuazione puntuale della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo del 1948.

Fatti non fummo a viver come bruti ma per seguir virtute e conoscenza“

Dato che le attuali garanzie mediante il cosiddetto garante sono ridicole e aleatorie, bisogna pretendere dagli attuali governanti una legge che proibisca a tutte le aziende di telecomunicazioni:
la pubblicità nei programmi e nei contesti dedicati ai bambini.
l’uso dei bambini nella pubblicità.
E imponga l’obbligo dell’etichetta negli apparati di comunicazione (tv, pc,cellulari etc.) con l’avvertenza che i contenuti veicolati possono nuocere gravemente specialmente ai bambini.

Per tornare alla pagina iniziale del sito clicca  qui  HOME  (o sulla barra dei menu HOME in alto) oppure osserva la finestra sottostante dove saranno presentati tutti gli articoli e clicca sull’articolo desiderato (passando il mouse sopra l’immagine senza cliccare vedrai il titolo dell’articolo e puoi anche usare le freccette laterali della finestra per gestire manualmente la sequenza).
Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *